12 dicembre 2022

Le Procedure di Revisione e il ruolo degli Inventari

Le criticità di bilancio nelle iscrizioni delle immobilizzazioni materiali nello stato patrimoniale e il ruolo di controllo nella revisione. Breve analisi del tema.

LE PROCEDURE DI REVISIONE E IL RUOLO DEGLI INVENTARI NEL PRIVATO


1000_F_244403858_vvgsIkOxjzg8BF6deZlLql19FE6HhC8S.jpg


Secondo i principi emanati dall’Organismo Italiano di Contabilità (OIC 16), le immobilizzazioni materiali sono beni tangibili, costituenti parte dell’organizzazione permanete dell’azienda, di uso durevole destinati alla produzione del reddito nella gestione caratteristica e non sono quindi destinati alla vendita o alla commercializzazione.

Le immobilizzazioni materiali costituiscono di conseguenza parte del patrimonio permanete dell’azienda inteso come il complesso di beni immobili e beni mobili che, insieme alle immobilizzazioni immateriali, rappresentano il capitale strumentale in dotazione all’impresa per lo svolgimento della propria attività ovvero gli investimenti finanziari aventi tale natura, oppure, ancora, beni posseduti in ossequio a norme di legge o a titolo di accessorio rispetto al bene principale.
Le immobilizzazioni materiali vengono iscritte al costo di acquisto o di produzione, sono soggette ad ammortamento annuo, svalutazione, rivalutazione e vengono iscritte nello stato patrimoniale aziendale.
Nel processo di revisione contabile la parte di verifica delle corrette scritture relative all’inserimento, gestione e conservazione delle immobilizzazioni è dunque elemento di particolare delicatezza che incide oltre che sulla dotazione patrimoniale aziendale, anche sulla rilevazione dei risultati di gestione e relativo riflesso sul conto economico aziendale.
 
L’obbiettivo di un programma di revisione per la componente immobilizzazioni deve quini tendere ad approfondire le seguenti tematiche:
  • Verifica delle asserzioni;
  • Analisi e identificazione dei rischi di revisione;
  • Risposta della revisione;
  • La relazione di revisione

 
LE ASSERZIONI


Le asserzioni alla base dell’iscrizione di un cespite materiale a bilancio sono:
  1. tangibilità ovvero esistenza del bene;
  2. corretta iscrizione patrimoniale ovvero che il bene sia contabilizzato al valore di costo o produzione e che il valore di bilancio sia pari al costo al netto degli ammortamenti maturati e delle eventuali svalutazioni;
  3. valore netto non superiore al valore recuperabile
 

ANALISI E IDENTIFICAZIONE DEI RISCHI DI REVISIONE


Sulla base delle asserzioni vi sono alcuni rischi di revisione comunemente identificati per le immobilizzazioni materiali quali:

Completezza: Verificare che TUTTE le immobilizzazioni siano state contabilizzate in bilancio.
Tutte le acquisizioni e le alienazioni intervenute nell’esercizio devono essere correttamente registrate, così come gli eventuali costi incrementativi; le immobilizzazioni devono inoltre essere state ammortizzate mediante criteri accettabili di metodo di ammortamento e di vita utile.

Esistenza: Verificare che TUTTE le immobilizzazioni materiali iscritte in bilancio esistano fisicamente.
Il presupposto per cui un’immobilizzazione materiale sia mantenuta a patrimonio origina dall’esistenza fisica del cespite. Questa fattispecie presuppone una corretta gestione della vita del bene che  preveda procedure e filiere di comunicazione che registrino i passaggi di consegna dei beni, il loro accantonamento per obsolescenza fino alla corretta gestione dello scarico.    

Valutazione: Verificare che la società valorizzi le immobilizzazioni secondo corretti OIC,
Questa fattispecie di criticità è legata all’utilizzo non corretto dei profili di ammortamento dei cespiti ovvero alla non corretta registrazione della svalutazione dei cespiti o ancora la non corretta contabilizzazione degli incrementi patrimoniali per realizzazione interna di immobilizzazioni.
 

LE RISPOSTE DI REVISIONE


Qualora le immobilizzazioni siano quantitativamente e qualitativamente significative nell’ambito del bilancio, il revisore deve raccogliere elementi probativi che certifichino la validità dei documenti contabili. Per la componente completezza, nell’ambito della revisione annuale l’elemento centrale è la verifica della documentazione a supporto delle acquisizione e cessioni di cespiti quali:
  • ordini, bolle e fatture per acquisto di beni;
  • ordini e fatture per prestazione di terzi;
  • contratti o atti notarili per acquisto di immobili;
  • stati di avanzamento lavori per immobilizzazioni in corso;
  • offerte ricevute da acquirenti per cessioni di beni;
  • fatture di vendita e bolle di accompagnamento emesse;
  • verbali di distruzione per beni eliminati fisicamente;
Per la componente esistenza l’attività necessaria alla verifica dello stato dell’arte è l’esecuzione di un inventario a campione e la richiesta al management societario sull’esistenza di soluzioni informatiche di gestione della vita fisica del cespite. La conta fisica dei beni potrà mettere inoltre in evidenza la presenza di eventuali cespiti danneggiati o obsoleti per i quali non è intervenuto il corrette processo di svalutazione.

Per la componente valutazione il processo di verifica si concentrerà sulla componente di iscrizione del valore storico, il profilo di ammortamento adottato, il calcolo del fondo di ammortamento e le eventuali plusvalenza o minsuvalenze registrate a conto economico.
 

LA RELAZIONE DI REVISIONE


La relazione di revisione deve raccogliere gli eventuali rilievi al bilancio in caso di errori significativi nella gestione della contabilizzazione. Di seguito alcune casistiche a titolo esemplificativo:
 
  • patrimonializzazione di costi sostenuti che in base ai principi OIC sono da ritenersi costi di tipo corrente;
  • variazione dei profili di ammortamento dei beni;
  • modifica della vita utile del cespite senza pezze giustificative a supporto;
  • stati di avanzamento lavori per immobilizzazioni in corso;
  • non coincidenza fra libro cespiti e presenza fisica dei beni;
  • mancato ricalcolo del valore recuperabile dei cespiti in presenza di perdite operative significative;

Scopri i servizi di Inventario e Riconciliazione fisico contabile di Progel a favore delle Aziende Private


Contattaci se vuoi maggiori informazioni o una quotazione del servizio

Ultimi articoli

Patrimonio
29 maggio 2024

La Gestione dei Contributi e il Raccordo con l'Inventario.

La prossima attuazione della riforma ACCRUAL esige una ricostruzione e gestione analitica dei contributi in conto capitale. Approfondiamo il tema e proponiamo soluzioni per la ricostruzione dello stato dell'arte.

 
Portale Tesoro Patrimonio Immobiliare
10 aprile 2024

Apertura Portale Mef Rilevazione Immobili Anno 2023

Logo-MEF.JPG

Apertura portale del MEF per la rilevazione del patrimonio immobiliare dell'anno 2023
Case History
20 dicembre 2023

Concluso il Censimento dei Cespiti Immobiliari della Città Metropolitana di Napoli



Conclusa la ricognizione straordinaria del patrimonio della Città Metropolitana di Napoli.
Edilizia Residenziale Pubblica
01 novembre 2023

Anagrafe dell'Utenza 2024

Parte la raccolta dei dati reddituali e patrimoniali degli inquilini di edilizia residenziale pubblica.
Modello Organizzativo
30 ottobre 2023

D.lgs. 231 dell'8 Giugno 2011

Con delibera del 4 Ottobre 2023, il CdA di Progel srl ha adottato il modello organizzativo 231/2001, che disciplina la responsabilità amministrativa societaria, al fine di prevenire i reati contro la pubblica amministrazione. Continua il percorso della nostra società verso l'ottimizzazione degli standard di legalità e trasparenza nel rapporto con la PA.  
Numerazione Civica
15 settembre 2023

Pronta la nuova toponomastica di San Teodoro (SS)

Presentato il risultato del rilievo della toponomastica comunale affidata a Progel srl.
Inventario
21 luglio 2023

Inventario Patrimoniale: Cos’è, a Cosa Serve e Come Gestirlo


Un post per fare chiarezza sulle caratteristiche e le novità relative a questo tipo di inventario.
Contabilità
19 luglio 2023

Contabilità Accrual - PNRR Riforma 1.15

E' online il nuovo sito del MEF che accompagnerà amministratori e dipendenti pubblici nel processo di adozione della nuova contabilità economico patrimoniale.
Portale Tesoro Patrimonio Immobiliare
26 giugno 2023

Patrimonio della PA - Proroga dei Termini di invio dei dati

Applicativo Immobili – Fissata al 15 settembre 2023 la chiusura della rilevazione dei dati dei beni immobili pubblici per il triennio 2020/2021/2022
Portale Tesoro Patrimonio Immobiliare
09 giugno 2023

Patrimonio della PA e Censimento Immobili Pubblici: come funziona il servizio Progel per la rilevazione dei dati del triennio 2020/2021/2022

Contabilità
06 giugno 2023

Contabuilità Accrual - ITAS 4

Approvata la proposta di statuizione dello standard ITAS 4 - Immobilizzazioni Materiali
Portale Tesoro Patrimonio Immobiliare
26 aprile 2023

Applicativo Immobili – Al via la rilevazione dei dati dei beni immobili pubblici triennio 2020/2021/2022.

A partire da oggi l’applicativo Immobili è aperto per il censimento dei beni immobili, in proprietà o di proprietà di altra Amministrazione detenuti a qualunque titolo, al 31/12/2022 (art. 2, comma 222, della legge n. 191/2009). 
 1 - 2 - 3 - 4 - 5